Chi Siamo Stime
Immobiliari
Formazione Libri e
Pubblicazioni
Espropriazioni
Calcolo delle Indennità
Building Value Asset & Property
Management
Facility
Management

Paglia & Associati
HOME  
 
CONTATTI  
 
NEWSLETTER  
  Via Ottava Società Case, 8/10
16153 Genova
Tel. +39 010.6512078 - Cell. +39 339.8588871
Email info@pagliaeassociati.it
C.F. / P.IVA 01558720999
Da sempre a fianco
dell'Ente Pubblico


 
Newsletter

 

Per gli Enti pubblici, per ricevere gratuitamente la newsletter è sufficiente farne richiesta a: info@pagliaeassociati.it 

 

NEWSLETTER N°54 IL PROVVEDIMENTO CONCESSORIO DI BENI PUBBLICI

[14-03-2014]

NEWSLETTER N°54    IL PROVVEDIMENTO CONCESSORIO DI BENI PUBBLICI

Prime riflessioni in materia

 

 

 

In merito ai modi di utilizzo dei beni disciplinati dal diritto pubblico, particolare attenzione merita la concessione  amministrativa, che di regola interviene nel processo amministrativo mediante la configurazione della concessione-contratto.

 

Si tratta di una fattispecie complessa che unisce le caratteristiche tipiche dell’ atto unilaterale ed autoritativo con potestà di imperio dell’Ente [la concessione] e le caratteristiche proprie di una convenzione integrativa del contenuto di questa avente natura privatistica.

 

Come altresì noto la convenzione possiede caratteristiche proprie di  un rapporto contrattuale bilaterale fonte di obblighi e diritti reciproci dell'ente concedente e del privato concessionario.

 

Per quanto detto, il concessionario, sul bene demaniale può esercitare diritti speciali di regola indisponibili per i soggetti privati. In questo contesto preme evidenziare, in alcuni casi, la presenza di concessionari titolari di veri e propri diritti di monopolio e/o oligopolio.

 

In definitiva chi può utilizzare il bene pubblico in via particolare [concessionario] è titolare nei confronti dei terzi di un diritto di esclusione dall'utilizzazione dello stesso bene, diritto che può tutelare tanto con i mezzi e le azioni proprie del diritto comune, quanto con i poteri di autotutela esecutiva.

 

Secondo il Virga la concessione è infatti caratterizzata dal trasferimento da un ente pubblico ad un soggetto privato di poteri pubblici.

 

Sempre secondo la prevalente dottrina, i beni pubblici oggetto di concessione costituiscono “proprietà pubblica in senso oggettivo”, riservata in principio e originariamente al pubblico potere, la natura pubblica dei beni oggetto di concessione permane anche in seguito all’emanazione del provvedimento concessorio.

 

 

CRITICITÀ DELLA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI

 

La scelta del concessionario deve essere trasparente e fondata su criteri di massima obiettività.

 

Esclusi i casi previsti dalla legge il concessionario deve essere scelto mediante procedura ad evidenza pubblica. In questo contesto i singoli regolamenti degli Enti pubblici possono indicare le procedure e le modalità di affidamento.

 

La vigilanza sui concessionari, in virtù del permanere della natura pubblica dei beni, deve essere continuativa e specialistica.

 

Tuttavia in alcuni casi la prassi ha evidenziato l’inadeguatezza dei controlli e della vigilanza. Spesso  non esistono strutture pubbliche adeguate a regolare e a controllare le modalità di gestione del bene concesso: è il caso, ad esempio, delle autostrade, degli aeroporti, delle ferrovie.

 

Con riferimento agli aspetti patrimoniali e, in particolare, ai canoni concessori, cioè i corrispettivi pagati dai concessionari alle pubbliche amministrazioni, le difficoltà derivano, anzitutto, dall'assetto delle competenze in materia, spesso eterogenee /o non accuratamente disciplinate.

 

Quanto alle concessioni portuali, ad esempio, la determinazione dei canoni spetta alle singole autorità portuali. Nelle concessioni sulle risorse naturali, inoltre, le competenze sono caratterizzate da un forte decentramento, gravato da rilevanti irrazionalità.

 

Di regola il canone di concessione deve corrispondere al canone di mercato. Occorre che le singole strutture dell’Ente si attivino per individuare l’ammontare preciso di quest’ultimo.

Tuttavia occorre evidenziare la peculiarità dell’atto concessorio che in ragione dei diversi contenuti può attribuire al concessionario oneri e pesi capaci di influire direttamente anche sulla definizione del canone.

 

Occorre mantenere un giusto equilibrio tra oneri concessori e canone percepito. Al di fuori delle casistiche esplicitamente previste dalla legge, la concessione patrimoniale non può essere gratuità.

 

 

VISITATE IL NOSTRO SITO

www.pagliaeassociati.it

 

Proprietà letteraria e tutti i diritti riservati alla Paglia & Associati s.a.s.. La struttura e il contenuto della presente newsletter non possono essere riprodotti senza il permesso scritto della società detentrice dei diritti. Consenso da richiedersi Via mail o lettera scritta.  La Paglia & Associati pur garantendo la massima cura nella preparazione della newsletter, declina ogni responsabilità per possibili errori e/o omissioni, nonché per eventuali danni conseguenti all’uso dell’informazione ivi contenuta.

 

Allegati:

 
  torna indietro